mercoledì 26 luglio 2017

Recensione: Accabadora, di Michela Murgia

Accabadora, Michela Murgia. Einaudi, € 11, pp. 164 |


Leggere per la prima volta un'autrice e stimarla a prescindere: si può? Esempio inequivocabile di eleganza, umorismo e sagacia, Michela Murgia è una delle persone che mi piacerebbe diventare da grande. Scrittrice che non ha bisogno di presentazioni, su Quante Storie è solita dispensare stroncature secche e consigli spassionati. Si è meritata un posto d'eccezione sulla poltrona di Corrado Augias, nei pomeriggi di Rai Tre, e l'accento e la postura hanno ispirato in fretta un'imitazione divertentissima di Virginia Raffaele – Dante, Collodi e Manzoni, perciò, vengono sconsigliati in sketch lampo tanto quanto l'ultima fatica editoriale di Fabio Volo. Mi mancava un tassello non da poco. Mi mancava scoprire com'è, fuori onda: nel suo. Accabadora, vincitore del premio Campiello e oggetto di un libero adattamento cinematografico, è la storia della seconda vita della piccola Maria.

Ci volle qualche minuto per ricordarsi chi e cosa era, che riemergere da sé stessi è tanto più difficile quanto più si è profondi.

Quarta figlia femmina di una vedova indigente, nella Sardegna del secondo dopoguerra, viene riscattata dalla pietà di Tzia Bonaria. Una sarta vestita sempre a lutto, forse mai stata giovane, che piange il promesso sposo perso in guerra, si prende cura delle bambine abbandonate in un angolo e, nottetempo, indossa il suo scialle nero e bussa a qualche porta. Cosa fa la sua seconda mamma, si domanda la bambina, mentre il paese dorme? Cos'ha visto in lei, tratta in salvo da un avvenire di scarti e occhiate di sufficienza? Una smania birichina, una scintilla: un potenziale da educare con le buone o con le cattive, anche a costo di spezzarle il cuore. A Soreni tutti ricoprono un ruolo. Quello di Bonaria è tabù, eppure appare necessario: l'accabadora è il contrario di una levatrice. C'è chi ti guida verso la vita e c'è chi, come lei, ti conduce a una morte dolce. Alla faccia di chi fa gli scongiuri. Alla faccia di chi nega a un'anima la dignità di andarsene via a modo suo. Come Vanessa Roggeri, amica di lunga data del blog, Michela Murgia rievoca una Sardegna brulla, antichissima, lontana dal tremolare del mare. In contrapposizione: una Torino fredda e schematica, in quel continente lontano un passo di troppo dalle maglie del destino.

Nell'ora della debolezza alcuni preferiscono diventare credenti piuttosto che forti.

Storia breve di arrivi e partenze, di eredità, affascina raccontando l'arte del cucito e dell'assassinio. Essendo passato qualche tempo dalla pubblicazione e avendone letto un po' qui e un po' lì, posso dirmi tante cose ma non sorpreso. Se la storia, di cui perfino la quarta di copertina svela troppo, non è una rivelazione, lo stesso non vale per uno stile bello in maniera clamorosa: semplice e scorrevole, eppure sorretto da una perfezione matematica che fa una conta esatta delle parole, delle sillabe, delle pagine. Lirica ma oculata, brusca neanche per un attimo, l'autrice sa quando mettere e quando togliere; sa quando dire e quando non dire. La suggestione e l'inquietudine di cui il realismo magico è capace, qui, ne escono al loro meglio. Crescere è realizzare che tra giusto e sbagliato c'è un confine invisibile, protetto da una fattura che né la razionalità né la fuga per mare possono sciogliere. Accabadora è la presa di coscienza di Maria, che si fa donna e saggia in duecento pagine da centellinare. Un'educazione morale e sentimentale dal taglio classico, con posti e liturgie d'altri tempi. Amore e morte hanno la stessa radice. Lasciarsi morire, lasciarsi uccidere, a volte è l'atto di fiducia più grande. Un debito da estinguere. O un dono, meglio, al pari di certe prose.
Il mio voto: ★★★★
Il mio consiglio musicale: Hozier – Work Song

26 commenti:

  1. Una delle mie prossime letture. Amo la sagacia della Murgia ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Murgia è tra quelle persone che possono permettersi di dire tutto. Non sbaglia mai i toni.
      E qui, in cui ti racconta la morte e i tabù a mo' di favola nera, accade lo stesso. Fammi sapere!

      Elimina
  2. Ho letto questo libro qualche anno fa e ne rimani letteralmente affascinata, una storia magica e inquietante dove l'antico e la tradizione emergono con una forza sorprendente. Bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto tutto, Cristina, sì! :)

      Elimina
  3. Mi attende già sul Kobo e le tue parole mi spingono ancora di più ad intraprendere la lettura! Devo solo trovare il tempo :D
    Recensione bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Anna! Apprezzerai senz'altro. :)

      Elimina
  4. Leggere per la prima volta un'autrice e stimarla a prescindere: si può? Secondo me si può con quelle come lei! Poi ci aggiungi questo libro e... il quadro è completo. L'ho divorato e adorato per le sue atmosfere, per i suoi personaggi, per uno stile che va al punto ed emoziona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voglio assolutissimamente leggere altro in tempi brevi.

      Elimina
    2. Avevo preso in biblioteca Chirù, ma era un periodo critico e l'ho restituito prima di aprirlo. Pare fosse richiestissimo. Riproverò anche se, d'estate, mi sa che va meglio la falsa leggerezza dell'esordio, Il mondo deve sapere: avevo adorato il film di Virzì (Tutta la vita davanti). :)

      Elimina
  5. Letto anni fa, ne conservo un bellissimo ricordo. Atmosfere che avvolgono, una lettura che ti trascina in altri luoghi e altri tempi. Ricordo di essere emersa alla fine con un vago senso di stordimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto un altro libro e mezzo, nel mentre, ma quel vago stordimento ti giuro che ce l'ho ancora.

      Elimina
  6. Questo libro è un capolavoro. Bello intenso vero e alle volte spiazzante. Ma ahimè allo stesso modo non ho amato che mi ha annoiato da subito. Mentre non è malvagio, anche se è un piccolo libercolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ha cancellato "Chirù" che mi ha annoiato da subito. Mentre non è malvagio "L'incontro" anche se è un piccolo libercolo!

      Elimina
    2. Ciao Fabio, e grazie per il tuo commento. Chiurù, effettivamente, lo vedo meno nelle mie corde, ma proverò di certo: come dicevo qualche commento fa, aspetto la biblioteca comunale. Ho presente L'incontro, sì: quelle poche pagine le riuscirò a incastrare con facilità tra una lettura e l'altra.

      Elimina
  7. Ciao! Questa è una di quelle autrici di cui sento di dover leggere qualcosa, prima o poi. Magari inizierò proprio da questo libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il più noto: vai a colpo sicuro!

      Elimina
  8. Io ci ho provato a centellinarle, ma è finita malissimo (e, parafrasando te, si può leggere una recensione sapendo che ti piacerà, a prescindere? Eh, sì, quando si passa di qui...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io letto in un pomeriggio, che ne parliamo a fare. Intanto mi godo Genovesi, che è pure un po' mattoncino...

      (Non mi dire 'ste cose!)

      Elimina
  9. Io la Murgia la stimo proprio a prescindere! Ho questo romanzo sul kobo da un po'. Devo decidermi a leggerlo. La tua recensione è bellissima, ma non è una novità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Tessa!
      Leggilo, o gli alberi si vendicano. :-P

      Elimina
  10. Letto quando fu pubblicato perché scelto da un liceo per l'incontro con l'autore.
    In sintesi,me l'ha prestato un'amica prof.
    Mi è piaciuto anche se mi ha sconvolto e la tua recensione coglie alla perfezione il senso profondo di smarrimento che aleggia in tutto il romanzo.
    Fuori dal coro,la Murgia mi fa un'antipatia feroce,non la sopporto e trovo in lei una supponenza irritante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio!

      A proposito della supponenza della Murgia: all'inizio, sai, lo pensavo anch'io. Mi ero imbattuto più in stroncature che altro e mi sono detto: quale differenza c'è tra lei e quegli Youtuber che massacrano random perché fa risonanza?
      Ma quando parla di romanzi belli, di cose che le sono piaciute, sembra un'altra persona e in cinque minuti te li racconta come nessuno. Mi viene in mente il romanzo di Siti, eppure controversissimo, che spiegò in TV con grande naturalezza. (E' passata anche a lasciarmi un commento su Facebook, e un'autrice molto nota, a distanza di otto anni dalla pubblicazione di Accabadora, non era tenuta.) :)

      Elimina
  11. Di Accabadora avevo sentito il film, che però non mi sembrava proprio una cosa imperdibile.
    Diciamo che il romanzo pare già più interessante. O forse sei tu che sei riuscito a venderlo bene. ;)
    Sebbene io e il realismo magico non andiamo proprio d'accordo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film, leggevo su Mymovies, è diretto molto molto bene, ma pare racconti tutta un'altra storia.
      Qui, in realtà, di magico c'è ben poco. Ma la fascinazione, il mistero, perdura davvero.

      Elimina